Medicina Estetica

La Medicina Estetica finalizza il suo intervento al raggiungimento e al mantenimento della salute intesa – come raccomandato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità – quale “espressione di una condizione di benessere psicologico e fisico e non come assenza di malattia”.

Questa branca della medicina si occupa di prevenire e correggere gli inestetismi del viso e del corpo, sia congeniti che acquisiti nel corso degli anni. Le cause degli inestetismi acquisiti possono essere lo stile di vita e l’invecchiamento dei tessuti cutanei.
La Medicina Estetica svolge pertanto un ruolo fondamentale nel miglioramento della qualità della vita di chi vive un disagio legato ad un inestetismo non accettato, occupandosi anche della costruzione e della ricostruzione dell’equilibrio psicofisico dell’individuo sano.

Chi si rivolge oggi alla Medicina Estetica, oltre alla correzione dell’inestetismo dichiarato, chiede indicazioni precise per migliorare la qualità della propria vita e prescrizioni utili al fine di mantenere negli anni una condizione fisica e mentale ottimale.

E’ bene ricordare che anche per la Medicina Estetica sono previsti protocolli e procedure che mettano in sicurezza lo stato di salute del paziente.

I Medici in libera professione o quelli che collaborino con Strutture Sanitarie sono tenuti anche nell’ambito della Medicina Estetica a sottoporre il/la paziente ad attenta anamnesi, apertura di cartella clinica, registrazione dei trattamenti medici a cui si è sottoposto il/la paziente, conservazione dei talloncini delle sostanze eventualmente iniettate .

Come per ogni altro atto medico, è previsto anche per i trattamenti di Medicina Estetica l’obbligo del Consenso Informato al paziente.

Dinanzi alla richiesta da parte del/la paziente di sottoporsi a trattamenti di Medicina Estetica, il parere del Medico è in assoluto determinante al fine della fattibilità del trattamento stesso.

Il Codice deontologico – art. 22 – stabilisce: “Il medico al quale vengano richieste prestazioni che contrastino con la sua coscienza o con il suo convincimento clinico, può rifiutare la propria opera, a meno che questo comportamento non sia di grave e immediato nocumento per la salute della persona assistita e deve fornire al cittadino ogni utile informazione e chiarimento”

Attraverso il menu laterale di questa pagina potrà esplorare i servizi disponibili presso il nostro poliambulatorio.

Prenota una consulenza ora

Questo sito utilizza cookie tecnici necessari per il funzionamento del sito stesso, per fornire le funzioni dei social network e per analizzare il nostro traffico.
I dati potranno essere resi noti ai nostri incaricati come a società partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso del cookie.
Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi